Una delle caratteristiche della psiche è quella di produrre immagini. Anche il famoso scrittore e pedagogista Gianni Rodari sosteneva che il processo creativo fosse insito nella natura umana, ma la fantasia va allenata e dell'immaginazione dobbiamo saperci prendere cura.

Saper progettare, prendere decisioni (decision making), risolvere problemi (problem solving), risolvere conflitti o anche essere lungimiranti sono facoltà che derivano soprattutto dalla nostra capacità di vision e di mission e, quindi, dal saper immaginare.

Le fiabe sono frutto dell’immaginazione e ci consentono di infrangere le regole. Sono a metà tra il conscio e l’inconscio, tra la realtà e l’immaginazione.
Fiabare è come giocare.

L'etimologia della parola illusione i-delusione, illudere, significa letteralmente stare nel gioco. Entrare nella realtà di una fiaba equivale un po' a giocare e a illudersi che tutto sia possibile o trasformabile.

Quante volte avremmo voluto avere tra le mani una bacchetta magica?

La bacchetta magica è quel fantastico oggetto che, con un solo tocco di magia, può risolvere tante situazioni e, se ci fermiamo a pensare, esistono bacchette magiche che usiamo anche nella vita reale: sono i pensieri positivi e attrattivi.

Parleremo anche del significato della bacchetta magica e di come poterla costruire nel “Laboratorio inventa fiabe”, che terremo sabato 28 gennaio a Roma.

Tra gli argomenti che tratteremo, psicologia e creatività, la scrittura creativa, lo schema di Propp, giochi e tecniche inventa fiabe, fiabe e memoria – laboratori con gli anziani.
Il corso è disponibile anche in versione online. Per richiedere Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Silvia Mendico e Mariapaola Ramaglia

 

 

Psicologia


Coming soon